DISLIPIDEMIA – IPERCOLESTEROLEMIA – IPERTRIGLICERIDEMIA

download (53)

 

 

 

 

 

 

 

DISLIPIDEMIA – IPERCOLESTEROLEMIA – IPERTRIGLICERIDEMIA
Sono malattie caratterizzate da alterazioni dei valori medi dei lipidi nel sangue.                                         Le due forme più comuni sono l’ipercolestrolemia e le ipertrigliceridemie.                                     L’ipercolesterolemia detta anche “ipercolesterolemia familiare essenziale”, che ha appunto origini
familiaristiche, ha come valori medi del colesterolo nel sangue:

200/220 mg per 100ml negli adulti e 160/180 per 100ml nei bambini.
Altri 2 parametri da considerare sono il colesterolo LDL (cattivo) e il colesterolo HDL (buono) nel sangue, che devono registrare i seguenti valori:

LDL = non superiore a 170 mg/ 100ml
HDL = non inferiore a 35 mg/ 100ml

Le ipertrigliceridemie devono invece avere il seguente dato:

valore nel sangue inferiore a 200 mg/100 ml.                                                                                                     Le dislipidemie sono fattori fortemente predisponenti all’arteriosclerosi, alle malattie cardiovascolari e all’ipertensione arteriosa, per cui i trattamenti finalizzati a contenere nella norma i loro valori medi sono essenziali per evitare queste complicazioni.

Nelle ipercolesterolemie con trigliceridi normali:

Carciofo T.M.:
50 gocce in poca acqua 2 volte al giorno prima dei pasti principali.
+
Olea europea (giovani getti) M.G.: (antidislipidemico)
50 gocce al mattino.
+
Juniperus communis (giovani getti) M.G.: (antidislipidemico)
50 gocce alla sera

Oppure:

Crisantello americano T.M.:                                                                                                                                50 gocce in poca acqua 3 volte al giorno lontano dai pasti
+
Carciofo T.M.:                                                                                                                                                            50 gocce in poca acqua due volte al giorno prima dei pasti principali
+
Betulla pubescens M.G.:                                                                                                                                            40 gocce in poca acqua 2 volte al giorno, mattino e sera.

Nelle ipertrigliceridemie e colesterolo normale con HDL ridotte:

Prunus amygdalus (gemme) M.G.: (antidislipidemico)
50 gocce al mattino.
+
Rosmarinus officinalis (giovani getti) M.G.: (antidislipidemico)
50 gocce alla sera.

Carciofo M.G.:                                                                                                                                                              50 gocce in poca acqua due volte al giorno prima dei pasti principali
+

Crisantello americano T.M.:                                                                                                                                       50 gocce in poca acqua 3 volte al giorno lontano dai pasti.

I trattamenti vanno attuati per cicli di 3 mesi, con pause di 2 settimane, fino a regolarizzazione dei valori.

ROSMARINUS OFFICINALIS

Nell’antichità il Rosmarino era il simbolo dell’amore e del matrimonio.                                                           La morfologia del Rosmarino è caratterizzata dal numero due, infatti ambivalente è
l’azione della pianta diretta al distretto epatico e renale.
Azione del macerato glicerico

Il gemmoterapico si ottiene per macerazione dei giovani getti di Rosmarino, raccolti
durante la ripresa vegetativa.
I giovani getti di rosmarino manifestano un’azione di riparazione del tessuto epatico, di stimolazione della cistifellea e delle vie biliari.                                                                                                                                Il gemmoderivato, svolge inoltre l’azione di attivatore metabolico, la sua azione infatti si estende a tutti i principali metabolismi tranne quello glucidico.

Consigliato in tutte le sindromi da scompenso metabolico.
Inoltre regola l’attività delle ghiandole a secrezione interna.                                                                               Ha inoltre proprietà euforizzanti, stimola il microcircolo ed acuisce la capacità visiva. Riduce il tasso di colesterolo, permettendo una maggiore fluidità biliare, prevenendo la calcolosi della colecisti
dovuta al colesterolo. In caso di scompensi ormonali nelle donne vicine alla menopausa, evita la manifestazione di una senescenza precoce.                                                                                                         Nell’uomo ha proprietà simili nell’andropausa, combatte l’impotenza, migliora la congestione prostatica, ristabilisce il tono e la libido e riduce l’irritabilità.

Associazioni

Steatosi epatica:

Rosmarinus + Juniperus communis (Ginepro) + Olea europea (Olivo).

Litiasi biliare:

Rosmarinus + Fraxinus excelsior (frassino) e Acer campestris (Acero rosso).

Menopausa:

Rosmarinus + Vaccinum vitis idea (mirtillo rosso) + Rubus idaeus (Lampone).

Posologia:

50-70 gtt. 15 Min. prima di pranzo 1 volta al giorno.                                                                                          Non va somministrato alla sera perché è uno stimolante cerebrale.

Per ulteriori informazioni: CLICCA QUI

 

 

Lascia un commento

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.